CANCRO PROVOCATO DA GRASSI IDROGENATI
Variamente descritti come il cibo più insalubre del mondo e/o “un attacco di cuore in scatola” , queste componenti universali del cibo sono prodotte idrogenando l’olio vegetale per trasformare un liquido in una sostanza solida.

E’ noto che i grassi idrogenati, od olii  vegetali idrogenati (HVO) , aumentano il livello di LDL ( lipoproteina a bassa densità, o colesterolo “cattivo” ) e riducono quello di HDL ( lipoproteina ad alta densità, o varietà “buona” ) dello stesso, lasciano depositi grassi nelle arterie, provocano disturbi digestivi e riducono il tasso di assorbimento di vitamine e minerali essenziali.

I grassi idrogenati si creano riscaldando l’olio vegetale a temperature altissime e rendendolo solido, in modo da poterlo usare nella margarina,i dolci, i gelati, i dolciumi e un numero infinito di alimenti pre-cucinati (acquirenti poco informati speso credono a pubblicità secondo le quali per il cuore la margarina, prodotta da olio di girasoli, è più sana del burro, a esempio; essi si chiedono solo come abbia fatto l’olio, da liquido color dell’oro, a trasformarsi in una “neve” bianca e solida).

Il grasso idrogenato è economico, insapore e assicura a qualsiasi prodotto una vita sullo scaffale più lunga : da qui la sua diffusione nell’industria alimentare. Tuttavia, prove recenti hanno dimostrato che i grassi idrogenati, anziché proteggere il cuore,lo danneggiano, sono essenzialmente tossici, provocano obesità e sono stati persino collegati a talune forme di cancro.

Un lungo studio condotto alla Harvard Sshool for Public Health su 18.555 donne sane che cercavano di restare incinte ha evidenziato che, per ogni aumento del 2% nella quantità di calorie che una donna prendeva dai grassi idrogenati, il rischio di infertilità cresceva del 73%.

Il dottore inglese Alex Richardson, esperto di grassi idrogenati, ha detto :” i grassi idrogenati non dovrebbero essere presenti nella nostra dieta.

L’unico modo di escludere dalla propria dieta questi e numerosi altri additivi dannosi è evitare tutti gli alimenti trasformati; prendere l’impegno faticoso, ma salutare, di mangiare solo alimenti freschi, naturali e biologici, ovviamente limitando i pasti al ristorante a rare occasioni.

Le cause del crollo delle difese corporee: