I danni alla salute provocati dal fumo sono ben noti da molti anni, tuttavia l’abitudine persiste. I fumatori usano le sigarette come stimolante o per favorire il rilassamento. In entrambi i casi, l’effetto cercato svanisce rapidamente a va quindi rinnovato: da qui nasce autodistruttiva del fumo.

La principale componente attiva del tabacco è la nicotina,autorevolmente descritta come uno dei veleni più tossici e più generatori di assuefazione che esistano, dall’azione tanto rapida quanto del cianuro, tuttavia la nicotina non è l’unico prodotto tossico del fumo. Il catrame generato dal processo di combustione riveste tutti i polmoni e alla fine conduce a enfisema e cancro.

La stessa cosa vale per l’alcool, che idealmente andrebbe consumato solo occasionalmente e in piccole quantità. Se consumato in eccesso, l’alcool può condurre all’alcolismo cronico.

E’ velenoso per il cervello e ancora più per il fegato, e può provocare gastrite, pancreatite, convulsioni e delirio. In casi estremi, provoca la cirrosi del fegato e la morte.

Poiché il fegato è un organo chiave, è facile capire come la sua distruzione a causa dell’alcolismo sia una minaccia per l’intero organismo.

Le cause del crollo delle difese corporee: